Nutrienti

Le piante per la loro crescita necessitano di luce, acqua ed elementi nutritivi. Un nutriente minerale è un elemento essenziale o benefico per la crescita e lo sviluppo delle piante o per le caratteristiche qualitative del prodotto. Oltre al carbonio, all’idrogeno e all’ossigeno, che ottengono dall’atmosfera e dall’acqua, le piante hanno bisogno di 14 nutrienti essenziali. 

Gli elementi essenziali possono essere suddivisi in due gruppi: macronutrienti e micronutrienti. I nutrienti che le piante richiedono in quantità maggiori sono chiamati macronutrienti. Circa la metà degli elementi essenziali sono considerati macronutrienti: azoto (N), fosforo (P), potassio (K), calcio (Ca), magnesio (Mg) e zolfo (S). Invece, i micronutrienti sono presenti in quantità molto ridotte e includono boro (B), cloro (Cl), manganese (Mn), ferro (Fe), zinco (Zn), rame (Cu), molibdeno (Mo) e nichel (Ni). Ulteriori elementi possono essere essenziali per alcune specie vegetali, come il sodio (Na) e il cobalto (Co). 

La carenza di uno di questi nutrienti può influenzare negativamente la crescita e lo sviluppo delle piante. A seconda dello specifico nutriente, la carenza può causare crescita stentata, crescita lenta, clorosi (ingiallimento delle foglie) o altri sintomi. 

Le piante assorbono la maggior parte dei nutrienti sotto forma di ioni dalla soluzione circolante del suolo. Man mano che i nutrienti vengono assorbiti, la soluzione circolante viene reintegrata dalle riserve presenti nel suolo e il tasso di reintegro è fondamentale per il mantenimento della crescita di una coltura. Se la quantità di un nutriente nella soluzione del suolo non viene mantenuta dalle riserve naturali del suolo, è necessario intervenire con apporti attraverso i fertilizzanti per assicurare la disponibilità del nutriente e il raggiungimento di adeguati livelli produttivi.  

Oltre alla disponibilità degli elementi nutritivi, le piante necessitano anche di una buona struttura del suolo in cui le loro radici possano crescere e svilupparsi in modo ottimale. Un alto contenuto di sostanza organica nel suolo ne migliora la struttura, oltre a favorire l’attività dei microrganismi del suolo. Migliora anche la capacità di ritenzione idrica e dei nutrienti, il potere tampone nei confronti del pH oltre a ridurre la biodisponibilità degli inquinanti come i metalli pesanti trattenendoli nel terreno. La sostanza organica del suolo, inoltre, contiene all'interno della sua struttura importanti riserve di macro e micronutrienti che diventano disponibili per le piante in seguito al processo di mineralizzazione operato dai microrganismi del suolo. 

La produzione e la qualità delle colture sono fortemente legate all'apporto di nutrienti attraverso i fertilizzanti. Tuttavia, al giorno d'oggi la gestione sostenibile della concimazione è essenziale per aumentare le prestazioni complessive dei sistemi colturali fornendo alla coltura un adeguato apporto di nutrienti e riducendo al minimo le perdite, per aumentare la sostenibilità ambientale ed economica. Tutto ciò è possibile aumentando l'efficienza d'uso dei nutrienti (NUE) e quindi dei fertilizzanti tradizionali. I biostimolanti rappresentano una strategia promettente per aumentare la produzione agricola in modo sostenibile grazie alla loro capacità di migliorare, direttamente o indirettamente, l'efficienza d'uso dei nutrienti, specialmente in presenza di ridotte disponibilità di nutrienti (ridotti apporti di concimi). 

Richiedi un piano di concimazione

Alcuni prodotti potrebbero non essere disponibili nella tua regione. Rivolgiti a un rappresentante di zona per ottenere un piano di concimazione adatto alle tue esigenze.

Pianifica la tua produzione con il nostro "Calcolatore di asporti"

Select Country

International
International
Italy
Italy
Germany
Germany
France
France
Spain
Spain
United States
United States
Arab Federation
Arabic
Russia
Russia