Vite

Si pensa che la vite sia originaria del Caucaso e dell’Asia occidentale, e probabilmente era già raccolta dalle popolazioni del Paleolitico. È certo che esistessero viti selvatiche durante il Terziario. Durante il Neolitico (6000 a.C.) si iniziò a coltivare la vite in Asia Minore e nel Vicino Oriente. Gradualmente sono state selezionate le specie con produzione migliore, fino ad ottenere le attuali viti. Gli Egizi conoscevano la vite, ma i Greci ei Romani furono quelli che ne svilupparono maggiormente la coltivazione, diffondendola in tutta l’Europa romana. Gli spagnoli hanno poi introdotto questa coltura in Nord America. Con la colonizzazione, la vite si è diffusa ampiamente, tanto che ora è coltivata in tutti i continenti e le isole dove il clima è favorevole. Attualmente, l’Europa è il principale continente produttore a cui segue l’Asia. Le aree del mondo con minore coltivazione della vite sono l’Africa e l’Oceania.

La vite appartiene alla famiglia dei Vitacee e al genere Vitis. È una pianta rampicante, il cui genere comprende da 60 a 80 specie di piante rampicanti, comprese le varietà per il consumo fresco come uva da tavola, essiccate per produrre uvetta o trasformate per produrre succo d’uva o vino. La vite è un arbusto rampicante con portamento naturale irregolare, generalmente determinato dal tipo di allevamento, è una specie caducifoglia che va in riposo vegetativo durante l’inverno. Normalmente, poiché la propagazione viene eseguita tramite parti vegetative (talee innestate), le radici della vite interessano principalmente lo strato di terreno compreso tra 30 e 80 cm dalla superficie. Il fusto, detto anche ceppo, è il sostegno della pianta e può essere più o meno sviluppato a seconda della forma di allevamento. Il ceppo è ricoperto da una corteccia, chiamata il ritidoma. Le foglie, con un lungo peduncolo, sono grandi e palmate, con lembo intero o diviso in 3-5 lobi, di colore verde più o meno intenso a seconda della varietà, mentre la pagina inferiore è più chiara e può essere pubescente. L’infiorescenza è un grappolo. Solitamente, su un tralcio si trovano da 1 a 3 grappoli, dopo l’ultimo grappolo, si trovano i viticci o cirri che sono organi di attacco e sostegno dotati di uno sviluppo a spirale che permettono l’ancoraggio del germoglio ad un supporto di qualsiasi natura. Il grappolo è costituito da un asse centrale chiamato rachide, sul quale si inseriscono ramificazioni laterali secondarie, detti rachilli, che portano i fiori. Il fiore è ermafrodito nella maggior parte delle varietà. Il frutto è una bacca. Il colore varia, a seconda del vitigno, dal verde al giallo, dal rosa al rosso-viola, al viola intenso. La buccia è ricca di pigmenti colorati, tannini e sostanze aromatiche. La polpa o mesocarpo è costituita da grandi cellule a parete sottile, da cui si estrae il succo ricco di zuccheri e acidi organici. L’endocarpo è solitamente costituito da 4 semi o più semi che non sono presenti nelle varietà senza semi (apirene).

Il ciclo annuale della vite si divide in vegetativo e riproduttivo. La prima fase comprende le fasi del pianto, della crescita dei germogli, della formazione delle foglie, mentre le principali fasi della crescita riproduttiva sono la fioritura, l’allegagione, l’ingrossamento e la maturazione dei frutti.

Le esposizioni a nord sono indicate nelle regioni caldo-aride, mentre quelle a sud sono adatte in ambienti settentrionali o ad alta quota dove le temperature possono essere limitanti. La vite è poco sensibile al freddo invernale in fase di riposo vegetativo; infatti, la maggior parte delle cultivar è in grado di sopportare temperature di – 15 °C durante il riposo invernale con un diverso grado di resistenza a seconda del vitigno e della zona di origine. Le esigenze termiche crescono in fase di germogliamento (8-10 °C), fioritura (18-22 °C) e fino all’invaiatura (22-26 °C), mentre si riducono le esigenze termiche durante la maturazione (20-24 °C). I terreni posti in aree collinari sono considerati migliori rispetto a quelli di pianura poiché questi ultimi potrebbero causare problemi di ristagno idrico e gelate primaverili dovute al deflusso di aria fredda verso il basso. La vite si adatta ad un’ampia gamma di suoli, che vanno dal sabbioso all’argilloso, da quelli poco profondi a quelli molto profondi, da quelli altamente calcarei a quelli non calcarei, e da quelli a bassa fino a quelli ad alta fertilità. I terreni più adatti alla coltivazione della vite sono quelli di medio impasto, ben drenati, mentre i terreni meno vocati sono quelli compatti, umidi, argillosi, freddi, salini e “stanchi” o terreni che hanno già ospitato un vigneto, su cui si effettua un reimpianto.

La concimazione ha lo scopo di fornire i nutrienti alle piante per soddisfare i loro fabbisogni nutrizionali e ripristinare le asportazioni annuali.

L’azoto (N) è solitamente l’elemento più limitante per la crescita e la produzione della vite. Quando la quantità di azoto a disposizione delle piante è insufficiente, si verifica una crescita ridotta dei germogli, un’inferiore intercettazione della luce e una minore efficienza fotosintetica e, infine, una riduzione delle rese nella stagione in corso. Al contrario, quando c’è un eccesso di azoto nel vigneto, le viti mostrano un’eccessiva crescita vegetativa che porta all’ombreggiamento reciproco all’interno della chioma della vite, riducendo la qualità dei frutti nella stagione in corso e la fecondità delle gemme nell’anno successivo.

Il fosforo (P) è importante in quanto favorisce i processi di trasferimento di energia all’interno delle cellule e tra gli organi della vite, inoltre fornisce i profumi al vino. All’interno della pianta si sposta in aree ad alta attività metabolica. La mancanza di questo elemento pregiudica la crescita della vite.

Il potassio (K) è coinvolto nella regolazione dei flussi d’acqua all’interno della pianta, è una parte molto importante nello scambio ionico e soprattutto nella traspirazione, poiché controlla l’apertura degli stomi, è un elemento molto mobile all’interno della pianta e favorisce l’accumulo di zuccheri nelle bacche.

Nella vite sono frequenti le carenze di micronutrienti come ferro e boro, nel primo caso le piante mostrano clorosi fogliare, ovvero un ingiallimento delle foglie con le nervature che rimangono verdi, la pianta ha una scarsa fruttificazione, mentre il principale danno causato da una carenza di Boro è il l’impallinamento o acinellatura (Millerandage) che consiste nella produzione di acini molto più piccoli del normale.

La coltura beneficia inoltre dell’applicazione di prodotti ad azione biostimolante per migliorare la disponibilità di nutrienti nel suolo, aumentare la resa dal punto di vista quantitativo e qualitativo e ridurre l’impatto negativo degli stress climatici. L’applicazione di biostimolanti aumenta la sostenibilità ambientale ed economica del sistema produttivo.

Esempio di piano di concimazione

Grape_stages_before_budding-web

Prima del germogliamento

Improve soil fertility, high content in potassium
Migliora la fertilità del suolo, alto contenuto di potassio
Grape_stages_leaves_unfolded-web

Foglie distese

Azione antistress, migliora la resa e la qualità finale delle bacche. Ripetere a bottoni fiorali sepratai.
Prevent/cure iron deficiency
Previene e cura la carenza di ferro e svlolge un'azione biostimolante.
Nutritional action and increase the endogenous resistance to disease and abiotic stress
Azione nutritiva e aumento della resistenza endogena allo stress abiotico. Ripetere a bottoni fiorali separati.
Grape_stages_flowers_separating-web

Bottoni fiorali separati

Previene e cura le clorosi.
Prevent/cure iron deficiency
Previene e cura la carenza di ferro e svlolge un'azione biostimolante.
Increase the fruit setting and final quality of berries
Aumenta l'allegagione e migliora la qualità finale delle bacche.
Grape_stages_fruit_set-web

Allegagione

Increase the fruit setting and final quality of berries
Aumenta l'allegagione e migliora la qualità finale delle bacche.
Nutritional action and increase the endogenous resistance to disease and abiotic stress
Azione nutritiva e aumento della resistenza endogena allo stress abiotico. Ripetere a a chiusura grappolo e invaiatura.

Chiusura grappolo

Increase the fruit setting and final quality of berries
Aumenta l'allegagione e migliora la qualità finale delle bacche.
Cura la carenza di magnesio e previene il disseccamento del rachide.
CaNova
Previene i disturbi fisiologici e aumenta la resistenza della buccia.
Aumenta il contenuto zuccherino. Ripetere a invaiatura.
Grape_stages_véraison-web

Invaiatura

Azione antistress, migliora la resa e la qualità finale degli acini.
CaNova
Previene i disturbi fisiologici e aumenta la resistenza della buccia.
Nei vini bianchi e rosati migliora il profilo aromatico.
Grape_stages_after_harvest-web

Post-raccolta

Aumenta le riserve di nutrienti per l'anno successivo.

Richiedi un piano di concimazione

Alcuni prodotti potrebbero non essere disponibili nella tua regione. Rivolgiti a un rappresentante di zona per ottenere un piano di concimazione adatto alle tue esigenze.

VANTAGGI

Tutti i coltivatori, convenzionali e biologici, hanno interesse a recuperare il potenziale di rendimento perso a causa degli stress abiotici. È stato dimostrato che in media gli agricoltori possono raccogliere solo il 50% del potenziale di rendimento di una coltura. Il divario di rendimento può essere causato da stress biotici e abiotici con un impatto negativo più forte degli stress abiotici. Gli stress abiotici come temperature estreme, salinità, siccità e stress nutrizionali sono responsabili del 65-75% della riduzione del potenziale di rendimento, mentre lo stress biotico è responsabile solo del 25-35%.
TRAINER possiede una forte azione antistress,
migliora la resistenza delle piante e assicura un rapido riavvio dello sviluppo vegetativo dopo gli eventi di stress, compreso lo stress da diserbo.
Grazie alla presenza dei Plant Stimulating Peptides (PSP), TRAINER aumenta l’attività fotosintetica e migliora lo stato nutrizionale, portando a una maggiore produzione. Esistono molti prodotti a base di idrolizzati proteici sul mercato, tuttavia la composizione dei prodotti varia ampiamente. Con TRAINER, la concentrazione di peptidi è la chiave e i peptidi sono altamente disponibili per le piante perché sono in una forma prontamente utilizzabile.

La fertilizzazione organica apporta al suolo sostanza organica e nutrienti essenziali per la crescita e lo sviluppo delle piante. Permette di ridurre la necessità dell'applicazione ripetuta di fertilizzanti chimici per mantenere la fertilità del suolo. Per questo motivo è importante utilizzare concimi organici in grado di migliorare la fertilità fisica, chimica e biologica del terreno e sostenere la crescita e lo sviluppo della vite. PHENIX è la soluzione ideale per la concimazione organica della vite durante il periodo di dormienza, prima del germogliamento. PHENIX è il più completo tra i concimi organici grazie all'alto contenuto di sostanza organica e alla presenza di nutrienti (azoto, fosforo e potassio in forma organica).

Lo stato nutrizionale delle colture è direttamente coinvolto nella salute delle piante. Alcuni elementi nutritivi e composti organici, come i peptidi vegetali, sono in grado di aumentare la resistenza endogena delle piante e la loro tolleranza nei confronti degli stress abiotici, oggi sempre più frequenti ed aggravati dai cambiamenti climatici. SCUDO è un concime liquido con rame e peptidi vegetali in grado di prevenire e curare la carenza di rame. Aiuta la pianta a superare rapidamente lo stress indotto da squilibri nutrizionali e condizioni ambientali sfavorevoli.

Il potassio è un elemento fondamentale per la qualità delle bacche. In caso di carenza di potassio, la maturazione è problematica e la qualità del frutto è notevolmente ridotta a causa del ridotto contenuto zuccherino e dell’inferiore colorazione delle bacche. La carenza di potassio ha anche effetti dannosi sulla pianta: danni da freddo, minore lignificazione dei germogli, riduzione della fotosintesi (di cui K è promotore), minore efficienza nella gestione dell'acqua. La carenza di potassio può derivare da un basso contenuto di K nel terreno o da uno scarso assorbimento di potassio ostacolato dalla presenza di ioni antagonisti come calcio e magnesio. In questi casi l'applicazione di MYR POTASSIO o NUTRIMYR 4-4-10 è la soluzione ideale per fornire alla pianta K in modo rapido e molto efficace. MYR POTASSIO e NUTRIMYR 4-4-10 nutrono le piante e, grazie ai peptidi vegetali, migliorano la tolleranza agli stress abiotici (caldo, freddo, siccità, ecc.). L'alto contenuto di potassio migliora la maturazione e la qualità dei frutti.

Il ferro è uno dei micronutrienti che limita la resa e la qualità su vite. Il ferro, infatti, è un elemento critico per l'intero metabolismo delle piante, essendo cruciale per i processi metabolici come la respirazione e la fotosintesi oltre che per la biosintesi di molecole fondamentali come la clorofilla. Sebbene il Fe sia uno dei metalli più abbondanti nella crosta terrestre, la sua disponibilità per le radici è molto bassa. La vite sviluppa tipicamente sintomi di carenza di ferro, quali la clorosi, ovvero ingiallimento internervale sulle foglie apicali, se coltivata in terreni calcarei e alcalini. In queste condizioni la resa e la qualità sono inferiori nell'anno in corso e le sviluppo delle gemme è compromesso con ripercussioni sulla produzione dell'anno successivo. L'applicazione di chelati di ferro di sintesi, come l'EDDHA, non rappresenta un modo sostenibile per prevenire o curare la clorosi ferrica. Questi composti sono caratterizzati da scarsa biodegradabilità, e conseguenti rischi per l'ambiente e la salute umana. KEYLAN Fe è un prodotto innovativo, ecologico e sostenibile, contenente Ferro biochelato a peptidi vegetali.
KEYLAN Fe fornisce ferro in forma biochelata alla pianta per ottimizzarne l'assorbimento e, allo stesso tempo, stimolare il metabolismo della pianta grazie all'azione dei peptidi vegetali.

Il cracking è un disturbo fisiologico che si verifica con la rottura della buccia della bacca. Il cracking su vite è una fisiopatia importante perché comporta significative perdite di produzione sia su uva da tavola sia su uva da vino. Il calcio è uno dei micronutrienti che svolgono un ruolo fondamentale nel mantenimento della qualità dei frutti e gioca un ruolo importante nel rafforzare e stabilizzare la parete cellulare e la struttura delle membrane. L'applicazione fogliare di è importante per rafforzare la parete cellulare e ridurre i disturbi fisiologici legati alla sua carenza. La somministrazione di calcio migliora la qualità dell'uva e riduce al minimo il cracking.
CaNOVA è un prodotto innovativo contenente Calcio biochelato a peptidi vegetali. Previene efficacemente il cracking aumentando la resistenza della buccia delle bacche, migliora la qualità dell'uva e la durata di conservazione.

Pianifica la tua produzione con il nostro "Calcolatore di asporti"

Select Country

International
International
Italy
Italy
Germany
Germany
France
France
Spain
Spain
United States
United States
Arab Federation
Arabic
Russia
Russia